di Luca De Gennaro
direttore VH1 Italia

Ci sono motivi diversi per essere al Festival di Sanremo in questi giorni: ci sono le migliaia di persone che effettivamente lavorano alla più imponente produzione televisiva italiana dell’anno, quelli che vengono qui per appuntamenti di lavoro visto che in questa settimana tutto il business musicale ruota intorno a questa città, quelli che si fanno solo vedere in giro e postano selfie sui social.

Poi ci sono i residenti di Sanremo, in gran parte pensionati che svernano in Riviera per godersi il clima mite, che guardano divertiti il viavai di furgoni con i vetri scuri e i cameraman fuori dagli alberghi. 

E infine c’è l’altra faccia del Festival, ed è quella che siamo venuti ad esplorare. Questi sono 3 buoni motivi per far tardi a Sanremo questa settimana.

1) La Superband: il Dopofestival condotto da Rocco Papaleo, che esordisce stanotte intorno all’una, ha assoldato una resident band di tutto rispetto, la Superband che esordì nel 2006 all’MTV Day di Bologna. In quel caso i fondatori, Sergio Carnevale batterista dei Bluvertigo e Fede Poggipollini chitarrista di Ligabue, chiamarono Max Gazzè al basso e Morgan alle tastiere. Questa volta il gruppo che suonerà con gli ospiti del Dopofestival comprende Roberto Dell’Era degli Afterhours al basso, Beatrice Antolini della band di Vasco Rossi alle tastiere, e Enrico Gabrielli dei Calibro 35 ai fiati. Un vero supergruppo rock.

2) Le feste: ha cominciato Radio Italia con un party domenica sera in una discoteca sul mare dove gli Ex Otago si sono cimentati in un dj set volutamente kitsch e dove pareva di stare al MiAMi festival (appuntamento per eccellenza della musica alternativa italiana) di dieci anni fa: Motta, Zen Circus, Ghemon, ancora sembra strano siano arrivati a quest’altro tipo di Festival.

3) Il bar “segreto”. Uno dei posti di culto di tutta Sanremo, città che in questi dieci giorni centuplica i prezzi di qualsiasi cosa e i ristoranti fanno cassa per il resto dell’anno presentando conti insensati per branzini appena scongelati, esiste un bar aperto fino a tarda notte, nascosto ma in pieno centro. È il bar dove vanno i croupier del casinò ancora con il cravattino e quelli che lavorano nell’ombra. Ha prezzi ragionevoli, si può fumare, e sembra fermo agli anni ’60. Quando sei lì hai la sensazione che potrebbe entrare Luigi Tenco e chiedere un whisky al bancone. Dove è? Non possiamo dirlo. Se no che bar segreto sarebbe.

Stasera comincia tutto, ma voi guardate VH1 lo stesso. Il Festival di Sanremo non è mica obbligatorio.

VH1 Italians Speciale Sanremo – tutti i giorni alle h. 12 sul canale 67 dtt, canale 22 tivusat e in streaming su questo sito.

Foto in apertura: Getty Images

No more articles