Reunion dei Take That: sì, no, forse. Robbie Williams si è pronunciato nuovamente sulla questione: “Se ci siamo tutti e cinque, io ci sto”. 

Detto ciò, non accadrà nel prossimo futuro: “Non è in programma per i prossimi 5 anni”. 

In un’intervista al magazine inglese OK!, Robbie ha infatti escluso una reunion a breve con Gary Barlow, Mark Owen, Jason Orange e Howard Donald, nell’aria per il 30ennale del gruppo, nel 2020.

In un’altra intervista, questa volta al Sun, Robbie Williams ha raccontato anche qualcosa sui suoi problemi di salute, che lo hanno costretto a cancellare dei concerti in Russia. “Avevo il braccio sinistro addormentato, mi tremava un lato della bocca e avevo mal di testa, facevo fatica a respirare”.

Esami del sangue e altri controlli in ospedale: “Cuore, cervello, c’erano alcune anomalie: tipo qualcosa nel cervello che sembrava sangue. Spaventoso”. Ecco spiegato il ricovero in terapia intensiva, che per fortuna è ora solo un brutto ricordo.

“Mi sono reso conto che ho 43 anni, non 23. Devo prendermi cura sia della mia testa che del mio corpo”. Forza Robbie, rivogliamo i Take That. 

Foto in apertura: copertina singolo “Back for Good”

No more articles