Un nuovo Live Aid per combattere i cambiamenti climatici, sensibilizzando l’opinione pubblica su uno dei temi più delicati riguardanti l’ambiente, la Terra.

È questa l’idea di Brian May, rilanciata dal quotidiano inglese Mirror: “Forse spingerebbe le generazioni più giovani a prendere il toro per le corna. E noi saremmo ben felici di aiutarli, ma non è facile”.

Non è semplice, secondo il chitarrista dei Queen, perché “dai tempi del Live Aid le persone hanno visto tantissimi concerti organizzati per risolvere i problemi del mondo, dunque non è semplice come sembra”.

Il Live Aid è stato un concerto di beneficenza che si è tenuto nel luglio del 1985 al Wembley Stadium di Londra e al JFK Stadium di Philadelphia. Un evento organizzato da Bob Geldof e Midge Ure per raccogliere fondi a favore dell’Etiopia, colpita all’epoca dalla carestia.

Furono raccolti tra i 40 e i 50 milioni di sterline, anche e soprattutto grazie all’esibizione dei Queen: uno show che è il fulcro del film “Bohemian Rhapsody”.

Tra gli artisti che si esibirono al Live Aid nell’85, oltre i Queen: gli Ultravox, gli Who, Santana, Elton John, Madonna, Neil Young, gli U2 e decine di altri, tra il palco di Londra e quello di Philadelphia, per un evento trasmesso in diretta via satellite in tutto il mondo.

Intanto, sul fronte Queen, è uscito un documentario, “The Show Must Go On: The Queen + Adam Lambert”, in cui Lambert risponde a quanti criticano il suo ruolo nella band.

“Sapevo che cantando queste canzoni avrei dovuto reggere i continui paragoni con Freddie”, spiega Adam Lambert nel film andato in onda negli Stati Uniti: “Le persone conoscono questi pezzi così come sono stati registrati. Ed è così che io li ho imparati. Ma Freddie è incredibile. La sua voce è unica e so bene di non essere Freddie Mercury. Ma quando le prime performance sono state accolte bene, è stata una vittoria perché i livelli da raggiungere erano davvero alti”.

E poi ci sono le parole di Roger Taylor (riprese dai media inglesi), rivolte ai fan che vanno ai concerti dei Queen, ma non accettano Adam Lambert: “Fred è morto e quindi non ci sarà. Piuttosto non venite. Se invece volete ascoltare la nostra musica, siete i benvenuti”.

Foto in apertura: Getty Images

No more articles