X

Piccoli One Direction crescono, eccome se crescono. Mentre è partita la caccia ai biglietti per il concerto di Harry Styles a Milano, ecco arrivato il nuovo singolo di un altro membro della boy band: “Slow Hands” di Niall Horan.

“Sono così felice di aver pubblicato Slow Hands”, ha detto Horan: “Ho ascoltato moltissima musica degli anni Ottanta e sono stato ispirato dal basso e dal suono delle chitarre funky. È un altro sapore che si aggiunge al mio album e sono davvero felice all’idea di condividere questa canzone con i miei fan”. 

Risultato: “Slow Hands” è in top 10 un po’ ovunque. Questo è il secondo singolo di Horan dopo “This Town”, in attesa dell’uscita del suo primo album solista. 

Certo, sarà interessante misurare la risposta di pubblico e critica, considerato anche che venerdì 12 maggio arriva l’omonimo disco d’esordio di Harry Styles che – anticipato da due singoli tra sfarzoso rock anni Settanta e folk – stuzzica tanto i fan quanto addetti ai lavori e giornalisti musicali.

E, visto che ci siamo, non dimentichiamo l’unico vero ex One Direction, Zayn Malik: si è alzato dalla sedia a rotelle e, “Still Got Time”  e fidanzata Gigi Hadid a parte, si gode il successone del suo duetto con Taylor Swift. La loro “I Don’t Wanna Live Forever” è indubbiamente una delle canzoni di maggior successo di questo 2017: in Inghilterra, tra streaming e download, il pezzo cantato da Malik e Swift è all’11 posto della top 40 britannica (è stato 5 settimane al numero uno).

A questo punto, la domanda sorge spontanea: Louis Tomlinson (che a fine 2016 aveva sparato un singolo con Steve Aoki, “Just Hold On”) e Liam Payne stanno combinando qualcosa? Giusto, quest’ultimo è da poco diventato papà: il figlio si chiama Bear, orsacchiotto.

No more articles