200 artisti da ogni continente, 70 location, 135 live, 64 dj-set, 72 incontri e workshop di formazione. Sono solo alcuni della seconda edizione della Milano Music Week, appuntamento che tornerà puntuale anche l’anno prossimo, dal 18 al 24 novembre 2019.

E noi di VH1 siamo orgogliosi di essere stati partner di questo evento, che conferma Milano come capitale della musica e dell’industria musicale, tra le principali “music city” mondiali.

Come ben sapete, abbiamo inaugurato la Milano Music Week 2018 con VH1 Storytellers Elisa al Teatro Dal Verme – spettacolo che potrete vedere il 19 dicembre su VH1 (canale 67 dtt), Spike (canale 49 dtt) e Paramount (canale 27 dtt) – e il curatore della manifestazione è Luca De Gennaro, direttore di VH1.

“La Milano Music Week – ha dichiara il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala – è stata un vero successo a dimostrazione di due verità: Milano è città che ama la musica, ma è anche città molto amata dagli addetti ai lavori che la scelgono, sempre di più, per creare musica e presentarla al grande pubblico. Lo abbiamo visto durante questa settimana in cui i tanti e diversi appuntamenti sono stati affollatissimi, sia per ascoltare le diverse esibizioni sia per parlare di musica. La Milano Music Week è stata anche l’occasione per dialogare sulla città, come fatto da me e Marracash alla Santeria. Una serata davvero bella in cui abbiamo parlato del presente e del futuro di Milano, in modo aperto e immediato. Un racconto di cui la musica, sono certo, non tarderà a essere espressione”.

“Il risultato di questa edizione della Milano Music Week è entusiasmante. Per tutta la settimana ogni appuntamento, da quelli più tecnici ai momenti di formazione fino ai concerti e ai dj set ha visto una straordinaria partecipazione di pubblico che ci inorgoglisce e conferma Milano come città della musica” ha affermato Luca De Gennaro, curatore della Milano Music Week e Vice Presidente Talent & Music di Viacom International Media Networks. “Abbiamo incontrato molta gente arrivata da altre parti d’Italia per apprendere, conoscere i professionisti della musica, entrare in contatto con l’industria musicale, e naturalmente per divertirsi. Abbiamo raccontato la musica in tutte le sue forme attraverso la collaborazione attiva delle figure fondamentali della filiera musicale cittadina, che hanno capito lo spirito della manifestazione organizzando eventi belli e di successo, che hanno messo in primo piano la cultura e il lavoro che c’è dietro la musica. Ringraziamo tutti di cuore e pensiamo già all’edizione del 2019”.

Foto in apertura: Francesco Prandoni

No more articles