di Luca De Gennaro
direttore VH1 Italia

Lorenzo Jovanotti ha chiuso trionfalmente i suoi 12 concerti di seguito al Mediolanum Forum di Assago, record di tenuta di un solo artista nel luogo più grande e importante per i concerti al chiuso a Milano.

Ogni sera un tutto esaurito, una festa che ricominciava con l’energia della sera prima e che riparte sabato 3 marzo da Rimini per continuare il suo giro d’Italia.

Abbiamo visto due dei concerti al Forum, il primo e il decimo, e vi diciamo 6 buoni motivi per cui vi consigliamo di andarci.

1) È un concerto fisico, molto fisico, dove il corpo di Lorenzo è al centro sempre, la sua capacità di perimetrare il palco, di trasmettere emozioni con i movimenti anche all’ultimo spettatore lassù in cima viene fuori in ogni momento. Lorenzo è sempre più atletico, funambolico, salta, corre, balla con la plasticità che conosciamo, e anche nei rari momenti in cui sta fermo con la chitarra acustica riesce a passarti qualcosa di tangibile, di reale. Veramente straordinario.

Jovanotti - Lorenzo Live 2018 - Foto: Michele Lugaresi

2) È un concerto nel quale convivono armoniosamente le tre anime musicali di Lorenzo: il dj, l’animale da palcoscenico, il cantautore. Si va da momenti intimi e acustici a esplosioni di suoni e colori che coinvolgono tutti, e al centro del concerto la parte per me più esaltante: quella in cui Lorenzo è alla console per un dj set e canta live un medley mixato dei suoi pezzi più ballabili: “Non m’annoio”, “Muoviti Muoviti”, “Una Tribù Che Balla”, “Tanto Tanto”, e la mente ritorna agli anni ’80 quando andai alla discoteca Veleno di Roma a sentire quel ragazzo che metteva i dischi e conquistava la pista come nessun altro.

Jovanotti - Lorenzo Live 2018 - Foto: Michele Lugaresi

3) L’impianto tecnologico del sontuoso palco viene usato in modo intelligente e creativo. Non vogliamo anticipare le trovate spettacolari che vi aspettano ma fidatevi, uno show così incredibile non si è mai visto in Italia.

4) In una scaletta di una trentina di canzoni Lorenzo riesce a farci stare ben otto pezzi del nuovo album “Oh, Vita!” (qui potete vedere il film del making of del disco registrato con Rick Rubin), tra i quali la maggioranza del pubblico ne conosce due, cioè i singoli usciti finora, ma ogni canzone nuova viene vestita scenicamente in modo originale (“Fame” e “Sbam!” veramente coinvolgenti) e questo aiuta ad apprezzarle anche se non sono brani familiari, sistemati ad arte in una sequenza di canzoni che vengono da trent’anni di vita musicale che qui diventano un unico percorso musicale coerente e con un senso comune.

Jovanotti - Foto: Michele Lugaresi

5) La band di Lorenzo è davvero fenomenale, la forza delle percussioni trascina il pubblico in un modo visto solo in concerti internazionali: un groove avvincente dato da Gareth Brown alla batteria, Leo Di Angilla alle percussioni, e in certi momenti anche il tastierista Franco Santarnecchi alla seconda batteria. I pilastri del gruppo: Riccardo Onori alla chitarra, Christian Rigano alle tastiere e Saturnino al basso sono sempre una garanzia di qualità, e la sezione fiati con Jordan McLean, Matthew Bauder e il grande trombonista italiano Gianluca Petrella si produce in perfetti arrangiamenti “alla Chicago” (ad esempio in “Ragazza Magica”).

 

6) Anche se di fatto questo è il tour del trentennale di carriera di Jovanotti, in nessun momento si sente sapore di nostalgia. È un concerto fortemente contemporaneo, dove naturalmente non mancano i classici, da “Penso Positivo” a “L’Ombelico Del Mondo”, “Ciao Mamma” e “Ragazzo Fortunato”, ma dove la parte del leone la fanno i suoi successi degli ultimi anni, da “Il Più Grande Spettacolo Dopo Il Big Bang” a “Sabato passando” per “Gli Immortali”, grandi canzoni uscite pochi anni fa che confermano la grande freschezza e rilevanza dell’artista, che può addirittura permettersi di non mettere in scaletta un classico come “Serenata Rap” senza che nessuno ne noti la mancanza.

In sintesi: Lorenzo Jovanotti non è solo un cantante, è l’uomo di spettacolo più completo che c’è in Italia, e un artista che a ogni nuovo tour alza l’asticella della qualità e dell’intrattenimento. Andate ai suoi concerti e non ve ne pentirete.

VH1 Italia è insieme a Radio Italia orgogliosamente partner del tour Lorenzo Live 2018, fino a giugno in giro per l’Italia.

Ecco tutti i concerti di Jovanotti:

MARZO
3 Rimini, Rds Stadium, sold out
4 Rimini sold out
6 Rimini ultimi biglietti disponibili
10 Firenze, Nelson Mandela Forum, sold out
11 Firenze sold out
13 Firenze
14 Firenze
16 Firenze sold out
17 Firenze sold out
19 Firenze
20 Firenze
22 Firenze

APRILE
3 Torino, Pala Alpitour, sold out
4 Torino sold out
6 Torino sold out
7 Torino sold out
9 Torino ultimi biglietti disponibili
13 Bologna, Unipol Arena, sold out
14 Bologna sold out
16 Bologna (concerto rinviato al 4 maggio)
19 Roma, Palalottomatica
20 Roma sold out
22 Roma sold out
23 Roma
25 Roma
26 Roma
28 Roma sold out
29 Roma sold out

MAGGIO
8 Acireale, Pala Art Hotel, sold out
9 Acireale sold out
11 Acireale NUOVA DATA
15 Verona, Arena, sold out
16 Verona sold out
18 Verona sold out
19 Verona sold out
21 Verona sold out
22 Verona sold out
25 Eboli, Palasele, sold out
26 Eboli sold out
28 Eboli NUOVA DATA

GIUGNO
1 Ancona, Pala Prometeo, sold out
2 Ancona sold out
4 Ancona NUOVA DATA
12 Padova, Fiera, NUOVA DATA
16 Stoccarda, Porsche Arena
19 Vienna, Stadthalle
21 Zurigo, Hallenstadion
23 Bruxelles, Forest National
25 Londra, SSE Arena Wembley
30 Lugano, Pala Resega

Tutte le foto di Jovanotti sono scattate da Michele Lugaresi

No more articles