X

Nel giorno in cui l’hashtag #HarryStylesLiveOnTour spadroneggia su Twitter, Harry Styles dice la sua sui social network.

“Una volta ho sentito qualcuno dire: se Twitter fosse una festa in cui sai che il 30 per cento delle persone è adorabile e lo conosci, ma sai anche che il resto si detesta e si scanna, semplicemente non ci vai”.

Styles è infatti in copertina sul nuovo numero del settimanale italiano Vanity Fair, uscito in edicola la stessa mattina in cui sono stati messi in vendita i biglietti per i due concerti di Styles in Italia: il 2 aprile 2018 a Milano e il 4 aprile 2018 a Bologna. (La data dell’Alcatraz il prossimo 10 novembre è sold-out).

Nella chiacchierata con la giornalista Harry Styles parla degli One Direction: “È molto difficile lamentarsi, è stata una cosa incredibile” e ricorda il suo passato prima del successo, quando lavorava come panettiere e aveva l’idea di fare il fisioterapista.

 

A proposito del suo disco solista, si torna sulle influenze musicali in famiglia: il padre ascoltava infatti tanto rock classico: Fleetwood Mac, Beatles e Rolling Stones. E la madre Norah Jones e Shania Twain.

E considerati i continui riferimenti al cantante degli Stones, Harry Styles nega di avere in programma di interpretare la parte di Mick Jagger in un futuro film su di lui.

Buon compleanno Harry Styles! Festeggiamo con le sue 10 canzoni preferite

No more articles