X

È morto Chris Cornell. Il cantante di Soundgarden e Audioslave è stato trovato privo di vita a Detroit, aveva 52 anni. Stando al responso del medico legale, Cornell si è impiccato.

Una notizia improvvisa e devastante rimbalzata dagli Stati Uniti all’Europa nella mattinata di giovedì 18 maggio e confermata dall’agenzia stampa Associated Press che citava come fonte l’agente dello stesso Cornell:

Christopher John Boyle, questo il vero nome di Cornell, era nato il 20 luglio 1964 a Seattle.  Negli anni Ottanta, Cornell aveva formato i Soundgarden insieme al chitarrista Kim Thayl, pubblicando dischi con etichette indie importanti come SST e, naturalmente, Sub Pop.

I Soundgarden, influenzati da band come Black Flag e Black Sabbath, sono poi esplosi all’inizio degli anni Novanta con la neonata scena grunge di Seattle. Tra i loro album più importanti, i primi “Ultramega OK” e “Louder Than Love” e i due dischi della consacrazione, “Badmotorfinger” e “Superunknown”

Alcune canzoni dei Soundgarden sono entrate nella storia del rock anni Novanta, come “Jesus Christ Pose”, “Spoonman” (nata in occasione dell’uscita del film “Singles”), “Black Hole Sun” e “Rusty Cage”, reinterpretata poi dal re del country Johnny Cash.

20 luglio 1964-17 maggio 2017

20 luglio 1964-17 maggio 2017

E se nel 1991 Chris Cornell aveva formato con Stone Gossard, Jeff Ament, Matt Cameron ed Eddie Vedder il super gruppo Temple of the Dog come tributo al defunto cantante dei Mother Love Bone Andrew Wood, all’inizio del XXI secolo ha prestato la propria potente voce a un’altra all-star band: gli Audioslave, ossia i Rage Against the Machine privi del cantante Zack de la Rocha.

Nel corso della propria carriera aveva pubblicato anche cinque dischi solisti. Ma mercoledì 17 maggio 2017 era ancora sul palco con i suoi Soundgarden, live a Detroit. Ecco il suo ultimo tweet:

 

Chris Cornell lascia tre figli, Lillian Jean, Toni e Christopher Nicholas, e un tesoro di canzoni indimenticabili. Ci mancherai, salutaci Kurt Cobain, Layne Staley e tutti gli altri. 

 
No more articles