X

Niente, le chitarre non tirano più. I ragazzini preferiscono di gran lunga la musica elettronica: Steve Aoki è più affascinante di Steve Vai e un computer dà più soddisfazioni delle 6 corde.

Scherzi a parte, le vendite di chitarre negli Stati Uniti sarebbero infatti scese parecchio negli ultimi dieci anni, da 1,5 milioni a un milione di pezzi e colossi come Gibson e Fender avrebbero i conti con un preoccupante segno meno.

Non perdiamo la calma

Non perdiamo la calma

Negli ultimi tre anni, Gibson è passata da 2,1 miliardi di dollari di incassi a 1,7 miliardi, mentre Fender sarebbe scesa da 675 milioni di dollari a 545, contando 100 milioni di dollari di debiti (qui un lungo articolo del Washington Post a proposito del mercato chitarristico).

E quei relativamente pochi che comprano una chitarra, da principianti, l’abbandonano in fretta, come ha spiegato Andy Mooney, CEO di Fender: “Il 45% delle chitarre che vendiamo è acquistato da principianti, ma il 90% di loro abbandonano lo strumento nel giro di un anno”, ha spiegato Mooney in un’intervista al magazine Fast Company.

Per questo motivo, Fender sta provando a risollevare le proprie sorti, per esempio con una app come Fender Play: con poco meno di 20 dollari al mese, l’aspirante chitarrista si mette in tasca un pratico tutorial che parte da accordi e riff di canzoni note, famosissime, di artisti come U2, Rolling Stones e Foo Fighters.

Ecco un trailer della app: 

Ma siamo proprio sicuri che una app come questa sia sufficiente a far tornare in voga le chitarre in un’epoca in cui dj come il già citato Aoki, David Guetta, Martin Garrix e colleghi sono le nuove rock star e l’hip-hop ha la meglio sul mercato discografico?

Una speranza potrebbe essere Taylor Swift: è lei la nuova Eddie Van Halen? Come raccontato anche dal Post, la provocazione è del maestro di chitarra americano Philip McNight che ha appunto pubblicato su YouTube un video il cui titolo è “Is Taylor Swift the next Eddie Van Halen?”.

Ovviamente non parla di capacità tecniche, ma dell’influenza che potrebbe avere e che effettivamente ha sulle nuove leve. Ed è d’accordo con lui anche Mooney, il boss di Fender: “Non credo che le ragazzine guardino Taylor Swift e rimangano impressionate da come arpeggia il Sol. Ma rimangono impressionate dalla sua immagine e vogliono essere come lei”. 

In America, dunque, aumentano le ragazze che vanno a lezione di chitarra, anche grazie a Taylor Swift e la sua chitarra rossa. Belle, bellissime entrambe. 

 

No more articles