“Levels”, “Wake Me Up”, “Waiting for Love”. E poi “Hymn for the Weekend” e “A Sky Full of Stars” con i Coldplay, “Devil Pray” e “Girl Gone Wild” con Madonna, “Lonely Together” con Rita Ora. Sono solo alcuni dei successi e delle collaborazioni di Avicii, super-star della musica elettronica morto venerdì 20 aprile 2018 per cause ancora sconosciute.

Classe 1989, Tim Bergling – questo il vero nome di Avicii – era uno dei nomi di punta della scena dance mondiale. Nato a Ostermalm, in Svezia, aveva cominciato a mixare pezzi in cameretta, pubblicandoli on line tra blog e MySpace. Poi il decollo intorno al 2011, grazie al singolo “Levels”. Da allora Avicii non si era più fermato, affermandosi come DJ e produttore.

Tuttavia, nel 2016 aveva deciso di smettere di andare in tour a causa di problemi di salute (pancreatite acuta dovuta all’abuso di alcol): “Devo farlo per il mio bene. La scena non fa per me, e non per i concerti o la musica. Ma tutto il resto che c’è intorno”, aveva spiegato in un’intervista all’Hollywood Reporter: “Sono sempre stato una persona introversa, ed è sempre stata dura per me. E ho accumulato troppa energia negativa”.

Purtroppo, Avicii ci ha lasciati a soli 28 anni. Questo il comunicato ufficiale: “È con profondo dolore che annunciamo la perdita di Tim Bergling, anche noto come Avicii. Il suo corpo senza vita è stato trovato a Muscat, in Oman, questo venerdì pomeriggio, 20 aprile. La famiglia è devastata dal dolore e chiediamo a tutti voi di rispettare la loro privacy in questo momento così difficile. Non verranno rilasciati ulteriori comunicati”.

“Tanto triste, tanto tragico”, è stato il commento di Madonna, che ha salutato Avicii con una foto insieme in consolle.

 
“Abbiamo perso un amico con un grande cuore, e il mondo ha perso un musicista incredibilmente talentuoso”, il saluto di David Guetta.

“Non ho parole”, ha scritto Rita Ora: “Ricordo che è stato meraviglioso fare Lonely Together, mi sembra ieri che stavamo parlando insieme… Sono a pezzi”.

Per nostra fortuna, resta la sua grande musica.

No more articles